Le “Cinquanta sfumature di rischio” della tua attività

Sei sicuro che sia davvero piacevole lasciare che assicuratori improvvisati ed incapaci si soddisfino su di te per compiacere le lobby?

Un po’ di “pepe” nella vita non guasta, non trovi? Un po’ di brivido, di insolito e di “fuori dagli schemi”, a volte, è l’elemento nuovo che può aiutare a tenere vivo un rapporto noioso.

Ok, lo so che sto pattinando sul filo del doppio senso e dell’allusione. Ma siamo tutti adulti e non credo di scandalizzare nessuno se gioco un po’ con le parole, anche perché quello di cui voglio realmente parlarti non è di pratiche sadomaso, cinghie, corde, aggeggi dall’uso alternativo o qualche altro pruriginoso argomento.

cinquantasfumatura_home

No, non mi pongo come esperto in queste cose e, anche se lo fossi, probabilmente non sarebbe di tuo interesse sapere quali siano le cose che so fare meglio, quelle più richieste del mio repertorio o quelle che a me più mi aggradano.

Quello di cui voglio parlarti è la pratica “masochista” che metti in atto quando scegli un assicuratore improvvisato o peggio ancora incapace, per gestire i rischi assicurativi della tua attività.

Di questa categoria fanno parte sicuramente tutti gli assicuratori “generalisti che pensi sappiano fare tutto” che propongono polizze che non conoscono davvero bene oppure le banche, le Poste e le piattaforme brokerizzate on line per l’acquisto delle polizze professionali.

Se ti scandalizzi a pensare a gente ammanettata alla testiera del letto o appesa al soffitto con le cinghie, mi chiedo quale costernazione dovresti provare quando decidi di metterti “alla totale mercé” di assicuratori di quel genere a cui probabilmente non dovresti affidare nemmeno la polizza del motorino.

Perché quando scegli un medico o un avvocato cerchi “il migliore” e quando cerchi un assicuratore ti affidi al primo che passa, all’amico di tuo cugino o a quello che “ti fa meno”?

Perché se hai un problema al ginocchio vai da un ortopedico e non dal cardiologo, se hai un problema legale con un l’erario vai da un avvocato tributarista e non da un penalista, mentre quando si tratta di assicurazioni per te un assicuratore vale l’altro, basta che si risparmi?

Pensi davvero che tutti sappiano fare tutto e che la differenza sia solo il prezzo? Nel tuo mestiere funziona così?

Probabilmente no. E se finora hai ragionato così lo so che non è colpa tua.

Il fatto è che questa mentalità ci è stata inculcata dalle lobby assicurative e bancarie. Fermati a riflettere: la polizza più conosciuta è quella RC Auto… ed oggi la puoi acquistare ovunque. La trovi in banca, in posta, dal concessionario, al supermercato e on line.

Come le polizze vita che oggi acquisti in banca, alle Poste e dai promotori finanziari. In banca ed in posta, addirittura, ti piazzano se vuoi pure le polizze casa, infortuni e malattie. E persino le polizze di RC Professionale! Ti sembra che le persone che fino a ieri erano allo sportello a fare cassa, oggi siano competenti su questo tipo di polizze?

E se ci fai caso l’unico argomento che hanno è il PREZZO. Parlano solo di sconto, di risparmio, di miglior tariffa: nessuno che parli di “contenuti e di garanzie nello specifico”.

Le lobby assicurative e bancarie non vogliono la tua protezione: vogliono i tuoi soldi in cambio di contratti che non prevedano MAI di doverteli ripagare. Ingrassano gli assicuratori improvvisati e generalisti perché servono a darti contratti assicurativi pessimi. Così non pagano i sinistri.

E questo accade anche nell’ambito della polizze delle attività imprenditoriali e professionali.

Per farlo usano la stessa arma, quella più semplice: abbindolarti con un prezzo basso. Infatti a scontare le polizze sono capaci tutti. Ma a “costruirle” no… bisogna essere dei professionisti.

Un medico prima di poterti curare al meglio passa dieci anni di vita a studiare e probabilmente altrettanti a fare pratica. Un avvocato impara a memoria caterve di libri e di norme e passa anni a fare “lo schiavo” presso uno studio legale, ben sapendo che tutto ciò che imparerà gli sarà indispensabile in futuro quando andrai a chiedere la sua consulenza.

E perché allora, quando tratti con un assicuratore argomenti molto complessi come la copertura della tua attività, sia essa un azienda o uno Studio professione, ti affidi al primo intermediario generalista anziché ad un esperto del settore?

Credi davvero che le complicate interazioni delle Responsabilità Civile Professionale siano concetti facilmente maneggiabili da chi a malapena conosce la differenza tra l’attestato di rischio ed il libretto del motorino? Forse assicurare una complessa attività produttiva è la stessa cosa che assicurare un appartamento in condominio?

No di certo.

L’ultimo libro di “Malpractice medica” che ho letto aveva 567 pagine. E trattava di argomenti giuridici molto particolari che hanno necessitato di tutta la mia conoscenza del diritto appresa all’università. L’ultimo volume sull’RC Prodotti ne aveva 459 e per capirlo ho dovuto attingere all’esperienza maturata sui rischi “Corporate” che non sono di certo il pane quotidiano di tutti gli assicuratori.

Purtroppo non esistono guide per “Assicurare i professionisti e le aziende for dummies”. Se ti trovi davanti un dilettante (o peggio un assicuratore in malafede), sei nei guai.

insurance_for_dummies

Esistono purtroppo tanti clienti che si approcciano alle coperture assicurative della propria attività imprenditoriale e professionale con la stessa mentalità con la quale cercano l’assicurazione auto più conveniente sul Segugio.

E dall’altra parte ci sono frotte di assicuratori impreparati che ti vendono la polizza e basta, e che lucrano su questa mentalità inculcata al pubblico.

La maggior parte di loro si propone mettendo in primo piano il prezzo della polizza: “Quanto paghi ora? Ti faccio risparmiare”. Nessuno ti fa la domanda: “Come sei assicurato ora? Vediamo le garanzie e scopriamo se sei coperto bene in funzione del rischio della tua attività“.

Essi non valutano le “Cinquanta sfumature di rischio” che mettono in pericolo il tuo patrimonio e la tua vita. No, ti legano alla testiera del letto o ti appendono al soffitto con cinghie ben strette (magari con contratti poliennali e soluzioni sempre uguali) e abusano di te. E confidano sul fatto che ti piaccia pure.

Non sanno analizzare i vari casi in profondità, soprattutto quando sono molto complessi, perché costa fatica, impegno e una conoscenza che non trovi dietro l’angolo. Nella misura in cui, invece, prestano la loro opera intellettuale medici, avvocati, ingegneri o commercialisti quando hai bisogno di loro.

Allora, tu fai la cosa intelligente e non farti influenzare da chi vuole solo prendere i tuoi soldi e scappare. Impara a riconoscere un vero professionista delle assicurazioni specifico per la salvaguardia della tua attività imprenditoriale e professionale.

Se ancora non l’hai fatto puoi iniziare da qui:

=> http://www.ilierizzatoinsurance.it/risorse-gratuite/

Oppure fai il salto di qualità e inizia da qui:

=> http://www.ilierizzatoinsurance.it/richiedi-consulenza/

E ricorda che “Io non vendo polizze, io assicuro forte!”.

Stay tuned.

Ilie Rizzato

Lascia un commento
Metti "Mi piace" e condividi
Share